Ecco 10 consigli su come essere un insegnante efficiente:

  1. Fai tante domande. Scopri quali sono le necessità dello studente, perché studia italiano, cosa si aspetta dal corso, quale obiettivo vuole raggiungere, quanto tempo pensa di dedicare allo studio, cosa farà in lingua oltre al corso;
  2. Stabilisci un programma da condividere con lo studente o con la classe. Una volta raccolte le informazioni necessarie con le domande del punto 1, prepara un programma. Il programma può essere più o meno dettagliato ma sarà utile sia a te nella fase di ricerca di materiale didattico sia allo studente per avere una visione a lungo termine e per evitare che abbandoni durante il percorso formativo. Le regole stabilite possono anche cambiare, in corso d’opera, per motivi diversi (lo studente ha più o meno tempo da dedicare allo studio; l’insegnante si rende conto di alcune abilità da rafforzare), l’importante è sempre condividerle: sottoscrivere un patto, anche solo verbale, lega le parti e responsabilizza entrambi.
  3. Dai comunicazioni chiare. Le comunicazioni che riguardano le lezioni, i compiti, gli appuntamenti devono essere più semplici possibili (ricorda che hai a che fare con uno studente di italiano non madrelingua), più chiare possibili ma devono contenere tutte le informazioni necessarie. Una comunicazione di questo tipo, ad esempio: “Confermato, grazie” è sbrigativa e può portare a dubbi: cosa è confermato? Quale opzione proposta? Meglio quindi ripetere sempre, in ogni messaggio, tutte le informazioni necessarie affinché quella comunicazione sia più efficace possibile. Tornando all’esempio di prima: se si sta stabilendo per email un appuntamento per una lezione, un messaggio “Confermato, grazie” potrebbe creare fraintendimenti; meglio scrivere “Confermata la lezione domani mercoledì 9 agosto ore 10.00am ora di Roma. Grazie!”.
  4. Sii presente con lo studente. Essere presenti non significa essere connessi sempre; significa dare la sensazione allo studente che l’insegnante c’è e che lo studente può contare su di lui, quindi: rispondere in tempi accettabili ai suoi messaggi senza perdersi le email; mantenere le promesse che si fanno in classe, cioè: se si promettono le foto delle vacanze nel sud Italia, poi inviare davvero queste foto, lo studente si sentirà ricordato anche in un momento piacevole; oppure: se si promette un’attività da fare a casa sulle preposizioni, inviarla e non dimenticarsi.
  5. Prepara una scaletta della lezione prima di ogni classe. “Entrare” in classe, anche virtuale, con un’idea chiara di come si svolgerà la lezione, una scaletta pronta e una visione di quello che succederà aiuta l’insegnante a essere più tranquillo, rilassato, confidente. Difficilmente la lezione andrà male con questi presupposti.
  6. Prepara il materiale della lezione con cura. Sembra una regola scontata ma non lo è. Preparare il materiale con cura significa fare del proprio meglio per preparare qualcosa che sia di facile accesso allo studente e che gli crei meno frustrazione possibile. Quindi valutare anche il livello di conoscenza del web dello studente: se si ha a che fare con uno studente che odia tools online, meglio preparare lezioni che prevedano articoli e ascolti, magari anche condividendo lo schermo e evitandogli anche di scaricare e cercare il file, invece di game show quiz, giochi con immagini o cose che potrebbero innervosirlo.
  7. Sorridi! Se tu ti diverti in classe (e questo vale in qualsiasi situazione) anche i tuoi “ospiti” si divertiranno; accogli sempre gli studenti con un sorriso, sia in classe sia per email. Ringrazia, saluta, sorridi e divertiti. Anche durante qualche problema tecnico (ce ne sono sempre e sempre ce ne saranno, quindi arrendiamoci a questo), prenditi con calma il tempo necessario per risolverlo, fai un sospiro, cerca alternative valide e prosegui.
  8. Parla di te, ma non troppo. Mettiti in gioco, parla di te, esponiti: soprattutto online alcuni studenti sono curiosi di sapere dove abitiamo, come viviamo, cosa facciamo. Non sono nella nostra stessa città, quindi quello che sentono da noi è nuovo per loro. Parliamo tranquillamente di noi se lo vogliamo, facciamo vedere pezzi del nostro ufficio o abitazione se non ci crea problemi, rendiamoci umani. Attenzione però sempre a non sovrastare lo studente: va bene farsi coinvolgere ma è lo studente che deve parlare, è lui che deve imparare la lingua: quindi prendiamoci il nostro spazio ma non occupiamo il suo.
  9. Dai dei feedback. È importante dare la percezione allo studente che lo stiamo osservando, che anche se non lo correggiamo abbiamo chiara in mente la sua evoluzione con l’italiano. Ogni tanto, quindi, diciamoglielo come sta procedendo.
  10. Dai un appuntamento. La lezione finisce, grazie e arrivederci. Molto spesso le lezioni online, soprattutto quelle insegnate sui grandi marketplace, sono isole singole e non sappiamo se lo studente lo rivedremo di nuovo o quando lo rivedremo. Però sappiamo che imparare una lingua significa costanza, pensare ad azioni supplementari, elaborare, fare esperienze. Insomma, non fermarsi. Quindi rivendichiamolo: alla fine della lezione lasciamo dei compiti (che può essere anche vedere un film di cui avete parlato in classe), tendiamo un filo, creiamo una connessione sincera. Creiamo curiosità.

Per approfondire le dinamiche della classe, sia di gruppo sia individuale, segui il nostro corso di formazione per insegnare italiano agli stranieri online: ti mostrerà alcune classi online, ti aiuterà a reperire materiale didattico online, ti aiuterà a costruire una lezione da presentare online e ad affrontare le dinamiche delle classi online in modo consapevole.

 

Commenti

Nessun commento presente.

Inserisci un commento

INFORMATIVA AI SOGGETTI INTERESSATI

(Art. 13 del d.lgs. 196/2003 - Codice della privacy Art. 13 del Regolamento Generale UE sulla protezione dei dati personali n. 679/2016)

L’IT – L’italiano per stranieri, titolare del trattamento dei dati personali ai sensi degli articoli 4 e 28 del decreto legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 - Codice della privacy (di seguito “Codice”) e degli articoli 4, 7 e 24 del Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali (di seguito, “Regolamento”), informa ai sensi dell’art. 13 del Codice e 13 del Regolamento che procederà al trattamento dei suoi dati personali per le finalità e con le modalità più oltre indicate.

Per trattamento di dati personali si intende qualsiasi operazione o insieme di operazioni, compiute con o senza l'ausilio di processi automatizzati e applicate a dati personali o insiemi di dati personali, anche se non registrati in una banca di dati, come la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la strutturazione, la conservazione, l'elaborazione, la selezione, il blocco, l'adattamento o la modifica, l'estrazione, la consultazione, l'uso, la comunicazione mediante trasmissione, la diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l'interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione.

Il trattamento verrà svolto in via manuale (es: raccolta moduli cartacei) e in via elettronica o comunque con l’ausilio di strumenti informatizzati o automatizzati.

Secondo le norme del Codice e del Regolamento, i trattamenti effettuati da L’IT – L’Italiano per stranieri saranno improntati ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del Codice e del Regolamento, Le forniamo quindi le seguenti informazioni.

A) Fonte dei dati personali e categorie di dati oggetto di trattamento.

I dati personali oggetto di trattamento potranno essere raccolti nell'ambito delle procedure di richiesta di informazioni, di iscrizione ai corsi di lingua, di utilizzo dei servizi messi a disposizione anche online.

Quanto alle categorie di dati personali oggetto di trattamento, esse sono rappresentate dai dati personali comuni (sia per le finalità primarie del trattamento come meglio dettagliate al successivo Paragrafo B, che per le finalità secondarie del trattamento - marketing e profilazione – come meglio dettagliate al successivo paragrafo C ed ovviamente ove siano stati prestati i consensi di legge); 

B) Finalità primarie del trattamento.

I dati personali sono trattati dalla L’IT – L’italiano per stranieri per lo svolgimento delle attività consistenti nell’insegnamento della lingua, della cultura italiane e delle tecniche di insegnamento; nella promozione e nella diffusione dei prodotti venduti.

I dati personali saranno trattati in via primaria esclusivamente per finalità strettamente connesse e strumentali alle procedure per la richiesta di informazioni, di iscrizione ai corsi di lingua o ai corsi di formazione e di utilizzo dei servizi messi a disposizione, in particolare:

  • per l’inserimento nei sistemi informatici delle anagrafiche dei destinatari delle informazioni e dei fruitori dei servizi messi a disposizione sul portale;
  • per dare esecuzione alle richieste di cui al punto precedente, ivi incluse le attività correlate o accessorie o la fornitura di servizi connessi richiesti;
  • per la gestione di incassi/pagamenti;
  • per adempiere agli obblighi previsti dalle norme di legge civilistiche e/o fiscali;
  • per la gestione del sito web di L’IT – L’italiano per stranieri;
  • per la gestione dei rapporti informativi e delle comunicazioni.

La richiesta di informazioni è la base giuridica del trattamento ai sensi dell’art. 13, comma 1, lettera c) del Regolamento.

A seguito della richiesta, Lei ha inoltre la possibilità di fruire di servizi online disponibili sul sito di L’IT – L’italiano per stranieri.

 

C) Comunicazione e diffusione dei dati personali
per il perseguimento delle finalità
 primarie del trattamento.

In tutti i casi sopra illustrati per il perseguimento delle finalità primarie, L’IT – L’italiano per stranieri potrà comunicare i dati personali all’esterno ai seguenti terzi cui la comunicazione sia necessaria:

  • ad Enti, società, o soggetti che intrattengono con L’IT – L’italiano per stranieri rapporti di supporto per attività di organizzazione, gestione, pubblicità o sponsorizzazione di eventi e manifestazioni;
  • a soggetti che svolgono attività di elaborazione dati e/o tenuta della contabilità;
  • a società che svolgono attività di gestione e manutenzione degli apparati di comunicazione elettronica;
  • all'autorità giudiziaria e di polizia o ad altre amministrazioni pubbliche per l’adempimento di obblighi normativi;
  • a consulenti incaricati dello svolgimento di attività legali e/o fiscali;
  • a tutte le persone fisiche e giuridiche nei casi in cui la comunicazione risulti necessaria per le finalità primarie del trattamento.

D) Facoltatività od obbligatorietà del consenso.

In tutti i casi illustrati ai Paragrafi B e C (per le ipotesi di comunicazione a terzi) L’IT – L’italiano per stranieri non ha l’obbligo di acquisire lo specifico consenso al trattamento dei dati.

Laddove Lei non intendesse conferire comunque i dati personali richiesti e necessari in base a quanto precede, la conseguenza sarebbe quella della impossibilità di procedere alle richieste da Lei avanzate. 

E) Tempi di conservazione dei dati e altre informazioni.

I dati saranno conservati per i tempi definiti dalla normativa di riferimento, che di seguito si specificano ai sensi dell’art. 13, comma 2, lettera (a) del Regolamento: dieci anni per i documenti e relativi dati di natura civilistica, contabile e fiscale come previsti dalle leggi in vigore.

Con riferimento invece ai dati personali oggetto di Trattamento per Finalità di Marketing o di Trattamento per finalità di Profilazione gli stessi saranno conservati nel rispetto del principio di proporzionalità e comunque fino a che non siano state perseguite le finalità del trattamento o fino a che – se precedentemente – non intervenga la revoca del consenso specifico da parte dell’interessato. 

F) Titolare e Responsabili del trattamento.

Titolare del trattamento dei dati è L’IT – L’italiano per stranieri di Francesca Romana Patrizi, Via Giovanni Maggi 75, 00176 Roma.

Gli estremi che permettono di contattare la scuola e di comunicare direttamente ed efficacemente con la stessa, compreso l'indirizzo di posta elettronica, sono:

tel. +39 3405915833 email info@lit-school.com 

G) Esercizio dei diritti da parte dell’interessato.

Ai sensi dell’articolo 7 del Codice della privacy e ai sensi degli articoli 13, comma 2, lettere (b) e (d), 15, 18, 19 e 21 del Regolamento, si informa il richiedente che:

  • egli ha il diritto di chiedere a L’IT – L’italiano per stranieri quale titolare del trattamento l'accesso ai dati personali, la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, nei casi previsti;
  • egli ha il diritto di proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità su www.garanteprivacy.it;
  • le eventuali rettifiche o cancellazioni o limitazioni del trattamento effettuate su richiesta dell’interessato - salvo che ciò si riveli impossibile o implichi uno sforzo sproporzionato – saranno comunicate da L’IT – L’italiano per stranieri a ciascuno dei destinatari cui sono stati trasmessi i dati personali. L’IT – L’italiano per stranieri potrà comunicare all'interessato tali destinatari qualora l'interessato lo richieda.

L’esercizio dei diritti non è soggetto ad alcun vincolo di forma ed è gratuito. L’indirizzo per l’esercizio dei diritti è: info@lit-school.com.

Annulla la risposta

X
Prenota ora la tua lezione di prova a soli 5 euro

Nota bene: l'orario che prenoti è l'orario di Roma, Italia. Controlla l'orario corrispondente nella tua città!

Sei un'azienda? Richiedi un preventivo personalizzato